5 Best practice per la pagina di destinazione e-commerce

È una fredda e dura verità che la stragrande maggioranza dei visitatori non è sempre in “modalità di acquisto” dal momento in cui visitano il tuo sito web. Tuttavia, sono sicuramente disposti ad acquistare lungo la strada, che è dove la tua landing page entra in gioco.


In particolare, una landing page di e-commerce può essere quel legame decisivo tra l’impegno (in) formale con la tua attività e l’acquisto finale del tuo prodotto o servizio. Tuttavia, questo touchpoint chiave non è quasi curato quanto dovrebbe essere. Ricorda: i consumatori hanno la tendenza a formarsi opinioni sulla base delle prime impressioni, che possono tradursi in tassi di conversione inferiori alla media per pagine di destinazione scarsamente pensate o progettate.

L’impressione iniziale della pagina di destinazione può fornire l’impatto necessario per indirizzare il visitatore verso il pulsante “Acquista”, ovvero, se ottimizzi le pagine di destinazione e-commerce per la massima efficienza, tra cui queste cinque migliori pratiche:

# 1: avere un obiettivo chiaramente definito

Quando imposti la tua landing page, la prima cosa che devi fare è chiarire perché è lì, in primo luogo. I migliori costruttori di landing page includono vari tipi di moduli che i visitatori possono compilare. Se stai cercando di incoraggiare un acquisto (che è spesso uno scopo predefinito di una landing page di e-commerce), devi chiarire ai potenziali clienti che cosa contiene.

Avere una copia chiara immediatamente fa conoscere alle persone il tema centrale della landing page. Inizia con a titolo orientato al cliente e coinvolgente, possibilmente accoppiato con quello del tuo annuncio in modo che la transizione sia confortevole e naturale. L’aggiunta di alcune righe sul tuo prodotto o servizio è sempre una buona idea, evidenziando le caratteristiche più importanti o pertinenti.

Caso in questione:

La landing page di prova di Shopify ha un titolo sul punto, che attira l’attenzione e un CTA, che non spreca parole per arrivare al punto. Alcuni punti elenco accentuano i principali vantaggi e c’è solo un campo che deve essere compilato (ci penserò tra un minuto), rendendo tutto molto più facile iniziare.

image1

# 2: fai scoppiare il tuo CTA (Call to Action)

Non cadere nella trappola di pensare che sia sufficiente posizionare un pulsante qui, poche parole lì, e aspettarti che le persone facciano clic su di esso. È qui che entra in gioco il tuo invito all’azione. Un forte CTA è vitale per il successo della tua landing page con ogni aspetto che richiede attenzione per farlo funzionare.

Il tuo CTA dovrebbe distinguersi, per colore, dimensioni o posizionamento. Ai fini del colore, è sempre una buona idea usa colori contrastanti che cattureranno facilmente l’attenzione di qualcuno. Ovviamente, un CTA più grande è più facile da individuare e leggere; consente anche un testo un po ‘più descrittivo rispetto al noioso “Acquista ora”, come anche la lingua del CTA svolge un ruolo importante nella conversione. Lo stesso si può dire del posizionamento, con la posizione di piegatura sopra (visibile senza scorrimento) che rappresenta uno standard del settore. Assicurati che il tuo pulsante CTA attiri più attenzione al fine di massimizzare le conversioni.

Caso in questione:

Ecco come Unbounce promuove il suo corso di conversione della landing page: il CTA è ovvio e accattivante, distinguendosi nella combinazione di colori prevalentemente blu. La dichiarazione di azione chiarisce cosa ottiene un visitatore quando fa clic sul pulsante.

image5

# 3: Limitare il movimento dei visitatori

Con questo intendo assolutamente perdere le capacità di navigazione del sito. Una pagina di destinazione dovrebbe essere un’entità separata dal tuo sito Web, che ha un intento più stretto. Non è necessario disporre di collegamenti (senza la politica sulla privacy e i Termini di servizio, che sono sempre una buona idea ogni volta che vengono inviate informazioni) su cui i visitatori possono fare clic e quindi spostarsi su altre parti del sito Web senza impegnarsi in un acquisto.

Caso in questione:

Anche se un po ‘estremo in termini di semplicità, la landing page di Nordstrom mostra le anteprime di diversi prodotti, aggiungendone altri mentre scorri verso il basso. Non c’è nient’altro da fare che scorrere verso il basso e fare clic fino a trovare qualcosa che ti piace.

 image2

Altri esempi più semplici (come quello di Shopify) si basano generalmente sulla premessa di “ciò che vedi è ciò che ottieni”, il che significa che l’unico elemento selezionabile è il pulsante CTA.

# 4: mantienilo semplice

Una delle migliori pratiche generali che puoi implementare quando crei una landing page irresistibile è l’idea che less is more. Mantieni semplice la tua pagina di destinazione in modo da ridurre al minimo qualsiasi potenziale ostacolo lungo il percorso verso le conversioni.

Dal punto di vista del design, troppi elementi visivi o troppe copie possono rischiare di alienare il visitatore rendendo la pagina confusa. Il punto è suscitare interesse; una pagina mal progettata può negare l’effetto del tuo CTA e forse anche oscurare i moduli necessari. Troppe informazioni possono annacquare il messaggio generale e distrarre l’attenzione dal punto principale.

Detto questo, ricorda che semplice non deve significare noioso o non ispirato. Assicurati di includere ancora gli elementi essenziali: ad esempio, le testimonianze dei clienti possono essere un potente motivatore, probabilmente non ne avrai bisogno 12.

Caso in questione:

Industrial Strength Marketing promuove la sua guida alla progettazione reattiva con un titolo accattivante e una combinazione di colori che fa risaltare il CTA. Ci sono solo poche parole scelte sul prodotto, sono presenti tutti i moduli relativi al B2B necessari e c’è una testimonianza bonus per un po ‘più convincente.

image4

Ecco un esempio di una landing page che sbaglia la semplicità. Mentre esiste un’opzione accurata per scegliere un webinar e la copia è chiara, puoi a malapena notare il pulsante CTA. A prima vista c’è anche probabilmente troppo testo, per non parlare di troppi campi del modulo che possono facilmente spaventare i visitatori.

Lander

# 5: Test A / B alla perfezione

Il test A / B (o split test) è il processo di test di diverse versioni di una landing page contemporaneamente. Qui è tutto a portata di mano: la tua copia, immagini, CTA, layout, ecc. Assicurati solo di testare una variabile alla volta, in modo da sapere cosa sta guidando i risultati.

Il modo migliore per massimizzare l’effetto della tua landing page è testarlo costantemente e misurare i risultati. Mentre ci sono alcuni standard del settore, come i CTA sul lato destro della pagina generalmente funzionano meglio, ad esempio, il tuo pubblico specifico potrebbe pensare diversamente. Attraverso i test A / B, ti stai assicurando di avere la pagina di destinazione più efficace possibile.

Caso in questione:

Il tasso di conversione standard della pagina di destinazione è solo del 2-3% circa. Detto questo, le landing page più performanti possono vedere tassi di conversione del 20% o superiori. La differenza è sapere cosa funziona per il tuo marchio e il tuo pubblico e l’unico modo per farlo è attraverso i test. Ad esempio, il generatore di landing page Lander ha scoperto che solo testando il colore del pulsante CTA, i clienti potevano aumentare la loro conversione del 17%. E per landing page di e-commerce, dove una conversione può significare una potenziale vendita o un cliente a vita, i test A / B sono intrinsecamente legati al successo finanziario della tua azienda.

Ricorda: è una pagina di destinazione, non una pagina di prodotto

Nel panorama altamente competitivo, la maggior parte delle aziende di e-commerce sono continuamente sotto pressione per raggiungere quote e obiettivi. Pagine di destinazione appositamente progettate che rispondono efficacemente alle esigenze dei tuoi visitatori possono aiutare a ridurre la tensione, ma è importante ricordare che fungono da braccio lungo del fronte delle vendite, non come una normale pagina di prodotto. Mantenendo le tue landing page focalizzate sulla generazione di entrate in conformità con queste best practice, potresti semplicemente rilassarti un po ‘e goderti i tuoi tassi di conversione migliorati.

fonti:

Perché gli utenti fanno clic su Chiamata all’azione giusta più di quelli di sinistra

Come eseguire test A / B che portano a GRANDI risultati della pagina di destinazione

Crediti immagine:

Ottimizzazione della pagina di destinazione: 101 suggerimenti, strategie & Esempi

https://instapage.com/blog/landing-page-examples

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me

About the author

Adblock
detector