4 motivi per cui l’influencer marketing sta per uscire

Come tante tendenze di marketing precedenti, è ovvio che i giorni dell’influencer marketing stanno volgendo al termine. Mentre alcuni sosterranno questo punto, chiunque presti attenzione a ciò che sta accadendo nel mondo del social media marketing ti dirà che gli svantaggi del marketing degli influencer superano notevolmente i benefici.


Ciò è dovuto a una serie di motivi convincenti, come indicano le recenti tendenze di marketing. Anche se stai utilizzando i migliori strumenti di gestione dei social media disponibili, collegare l’immagine del tuo marchio a una persona potenzialmente instabile o addirittura inesistente, semplicemente perché hanno un numero di “follower”, è un rischio inutile.

Quindi, se stai pensando di utilizzare un influencer dei social media per promuovere il tuo marchio, potresti voler pensarci due volte. Per lo meno, dovresti informarti adeguatamente dei rischi associati prima di spendere soldi dell’azienda. Perché, mentre ci sono state alcune campagne di successo che hanno comportato l’uso di influenzatori, spesso, i rischi superano di gran lunga i premi.

N. 1: un influencer potrebbe danneggiare potenzialmente l’immagine del tuo marchio

4 motivi per cui l'influencer marketing sta per uscire

Uno dei maggiori rischi di associare l’immagine del tuo marchio a una sola persona, che si tratti di un influencer o altro, è il fatto che le persone sono imprevedibili.

Mentre un individuo può avere un personaggio pubblico fantastico ed essere universalmente amato, è impossibile sapere quali scheletri potrebbero essere nascosti nel suo armadio. Ciò è stato dimostrato in innumerevoli esempi di persone pubbliche che si comportano male e di conseguenza i marchi allegati sono stati danneggiati. Da PewDiePie usando insulti razziali, a Logan Paul nella foresta suicida, gli influencer si sono dimostrati inaffidabili di volta in volta.

Un altro modo in cui gli influenzatori potrebbero potenzialmente danneggiare l’immagine del tuo marchio è allineandosi con aziende o cause considerate controverse. Ad esempio, una società sana e orientata verso la famiglia sarebbe difficile da scoprire che il loro influencer sui social media ha anche stretto una partnership con una società di cannabis o un’organizzazione estremista come Peta.

Mentre alcuni possono considerare questo un rischio utile, poiché il marketing degli influencer può essere economico ed efficace in alcune situazioni, i risultati possono essere veramente devastanti per la reputazione di un marchio. Questo è qualcosa che la maggior parte degli esperti di marketing vorrebbe evitare, soprattutto quando sono disponibili molte opzioni più affidabili e controllabili. Detto questo, se hai intenzione di perseguire il marketing degli influencer, è indispensabile disporre di un contratto forte che delinei quali ulteriori partenariati o circostanze sarebbero visti come un conflitto di interessi.

# 2: molti influenzatori hanno una base di follower falsa o inferiore a quella impegnata

Un altro grosso problema con l’utilizzo di influencer che è recentemente emerso è il fatto che molti “follower” di influencer hanno dimostrato di essere robot o account completamente falsi. Questo ha dimostrato di essere un problema su tutte le principali piattaforme di social media. Il Gruppo Nord ha recentemente pubblicato uno studio che illustra questo, in cui uno scioccante 20% di tutti i follower degli influenzatori erano falsi o pagati. Il New York Times ha fatto un’altra indagine approfondita su questo fenomeno, questa volta concentrandosi esclusivamente su Twitter.

Nel rapporto, è stato scoperto che fino al 15% di tutti i profili Twitter sono account fraudolenti. Questi falsi follower possono essere acquistati dagli influencer delle celebrità per far sembrare che abbiano una portata più ampia di quanto non facciano realmente. Ciò è particolarmente scioccante se si considera che la persona più seguita su Twitter, la musicista Katy Perry, ha oltre 41 milioni di follower collegati a account falsi.

Twitter ha risposto a questo dilemma tentando di eliminare tutti i profili fraudolenti. Ciò ha portato a un calo significativo dei follower per molti dei più importanti influenzatori dei social media, anche se non c’è modo di sapere davvero quanti account falsi sono ancora là fuori. Essendo questa la realtà, non c’è da meravigliarsi che così tanti marketer siano diventati diffidenti nei confronti degli influenzatori e provino a giudicarli in base al loro numero di follower gonfiati.

N. 3: meno persone si fidano degli influenzatori che mai

4 motivi per cui l'influencer marketing sta per uscire

La fiducia negli influenzatori dei social media ha raggiunto un minimo storico. Questo è vero in tutte le coorti generazionali, ma è particolarmente vero quando si tratta di Millennials, che sono sempre più diffidenti nei loro confronti. Recenti rapporti indicano che oltre la metà (52%) dei Millennial ha fiducia negli influenzatori in meno rispetto agli anni precedenti.

Questa fiducia in declino è dovuta a una serie di ragioni, ma può essere in gran parte attribuita alla debacle che è stata il Festival Fyre, in cui molti influencer hanno promosso un evento che si è rivelato essere una vera e propria frode. Dal momento che questa fascia demografica sta rapidamente diventando i principali consumatori di prodotti al dettaglio in tutti i settori economici, la loro effettiva commercializzazione è più importante che mai. I millennial attualmente spendono ben $ 600 miliardi all’anno, e si prevede che questo numero raggiungerà i $ 1,4 trilioni di dollari entro il 2020, il che equivale al 30% di tutti i consumi al dettaglio! Questa generazione tecnologicamente esperta non sopporta i falsi influenzatori, il che rende particolarmente pericoloso associare l’immagine del tuo marchio a una.

# 4: è difficile determinare il ritorno sull’investimento (ROI)

Assumere un influencer con oltre un milione di follower non è economico e può costare da $ 30.000 a $ 200.000 per post! Con questo tipo di investimento, vorrai alcuni dati solidi per dimostrare l’efficacia della tua campagna. Il problema è che il 76% degli esperti di marketing afferma che la più grande sfida che devono affrontare qualsiasi campagna di marketing di influencer è determinare il ROI. Quando investi qualsiasi somma di denaro dell’azienda in una campagna, è una buona idea per gli esperti di marketing essere in grado di fornire prove concrete a sostegno di tale investimento. Con l’influencer marketing questo non è semplicemente un’opzione in molti casi, rendendolo un investimento molto più rischioso.

Alternative al marketing di Influencer

Ora che sai perché così tanti marketer si stanno allontanando dall’uso degli influenzatori nelle loro campagne di marketing, è un buon momento per offrire alcune alternative.

Una grande opzione, che ha dimostrato di avere successo per aziende come quelle di Macy, è l’uso di persone reali nella pubblicità. Queste persone sono generalmente dipendenti dell’azienda e i dati hanno dimostrato che il pubblico è in sintonia con queste pubblicità. I dipendenti conosceranno anche il tuo marchio meglio di quasi chiunque altro e avranno una migliore idea di come rappresentarlo efficacemente. Per questo motivo, fino al 70% dei marchi utilizza ora i dipendenti nella loro pubblicità.

Gli influenzatori virtuali sono un’altra via che probabilmente molte aziende seguiranno in futuro. Queste persone online sono programmate per comportarsi come persone reali. Basato sull’intelligenza artificiale, questi account possono essere facilmente controllati e non si comporteranno in modo tale da offuscare potenzialmente il tuo marchio.

Indipendentemente dall’alternativa scelta, è sicuro affermare che gli influenzatori dei social media saranno presto un ricordo del passato. Non solo si sono dimostrati uno spreco di denaro, ma la fiducia dei consumatori in essi si sta rapidamente dissipando, diminuendo la loro capacità di influenzare qualsiasi cosa.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me

About the author

Adblock
detector