4 cose da fare e 3 cose da non fare per costruire una pagina di destinazione killer che converta

Quando si tratta di marketing su Internet, una delle maggiori difficoltà che molte aziende affrontano è far sì che l’utente faccia il primo passo e faccia clic sul collegamento. Questo è il motivo per cui, una volta fatto, vuoi fare tutto ciò che è in tuo potere per assicurarti che la pagina che vedono dopo sia in grado di mantenere la loro attenzione.

Il tasso medio di conversione della pagina di destinazione è del 2,35% deprimente, anche se ciò non significa che tutte le pagine di destinazione siano condannate. Fatto bene, le landing page possono facilmente convertire fino a cinque volte di più.

Ricorda, ogni landing page può avere uno scopo completamente diverso e può quindi richiedere un approccio diverso per mantenere l’attenzione del tuo pubblico di destinazione. Le ragioni del successo o dell’insuccesso di una pagina possono variare tanto quanto le pagine stesse.

DO: Mantieni il contenuto chiaro e conciso

Secondo il Nielsen Norman Group, in media gli utenti trascorreranno meno di un minuto sulla tua pagina, molti se ne andranno dopo soli 10-20 secondi! Inoltre, la maggior parte degli spettatori esegue la scansione, anziché la lettura, del contenuto.

Detto questo, è essenziale che tu mantenga la tua copia breve e precisa. Ecco alcuni suggerimenti per rendere il testo facilmente scansionabile:

  • Incorporare elenchi con punti elenco per evidenziare materiale importante
  • Assicurati che le tue parole chiave risaltino (ad es. Grassetto, evidenziazione, uso di un colore diverso, collocandole in un titolo, ecc.)
  • Mantieni basso il conteggio delle parole; troppe parole perderanno l’attenzione dei tuoi utenti
  • Ogni paragrafo dovrebbe concentrarsi su un’idea centrale, non di più!
  • Se si utilizzano i sottotitoli, indicare chiaramente quale contenuto sarà coperto
  • Mantenere i paragrafi relativamente brevi; questo è particolarmente vero per le landing page mobili

4 cose da fare e 3 non fare di una pagina di destinazione assassina che converte

NON: Rendi i tuoi clienti alla ricerca del CTA

Qualsiasi landing page dovrebbe concludersi con un invito all’azione ben congegnato (CTA). Il tuo CTA è probabilmente l’elemento più importante della tua landing page, poiché è attraverso questo che un utente viene convertito in un cliente. Stando così le cose, questo pulsante deve essere incredibilmente visibile e facile da trovare per gli spettatori.

Metti in risalto il tuo CTA usando un colore che contrasta dal resto della pagina e posizionandolo in una posizione facile da individuare e intuitiva per l’utente.

4 cose da fare e 3 non fare di una pagina di destinazione assassina che converte

DO: include grafica e immagini

Includere elementi grafici e immagini pertinenti nella pagina di destinazione è uno dei modi migliori per renderlo visivamente accattivante e memorabile. Tuttavia, alcuni tipi di immagini, o troppe, possono distrarre dal messaggio principale della pagina, danneggiando piuttosto che migliorare le prestazioni complessive.

Le immagini, ovviamente, dovrebbero essere di alta qualità. Dovrebbero anche essere abbastanza grandi e interessanti da catturare e mantenere l’attenzione degli spettatori. Se vendi un prodotto, assicurati di includere immagini da tutte le angolazioni possibili.

La ricerca ha anche dimostrato che immagini felici di volti umani possono aumentare la fiducia di un utente, e portare a una prima impressione generale più elevata. Per verificare questo effetto, è stato condotto un test A / B da un negozio d’arte, con una pagina di destinazione che mostrava il lavoro dell’artista e un’altra con il volto dell’artista. La versione con la faccia aveva un tasso di conversione superiore del 95% rispetto alla versione con l’arte!

4 cose da fare e 3 non fare di una pagina di destinazione assassina che converte

NON: presentare reclami non realistici o esagerati

Indipendentemente dal tuo prodotto, sia esso un servizio online o un paio di scarpe, è importante che la tua landing page spieghi chiaramente i suoi vantaggi, ma senza sembrare fuorviante o disonesto.

Non c’è modo più rapido per spaventare i potenziali clienti se non farli sentire truffati. È importante stabilire la fiducia; se un cliente ritiene di non potersi fidare di ciò che stai dicendo, perché dovrebbe fidarsi di te con la sua carta di credito e altre informazioni personali? Fare affermazioni false o fuorvianti può anche avere potenziali conseguenze legali e dovrebbe essere evitato a tutti i costi.

4 cose da fare e 3 non fare di una pagina di destinazione assassina che converte

DO: Avere un’offerta chiara e una proposta di valore

Che tu stia vendendo un prodotto o un servizio, i visitatori dovrebbero essere in grado di comprendere appieno ciò che stai offrendo entro un secondo o due dalla tua pagina di destinazione. Dovrebbe anche essere chiaro quasi immediatamente come il tuo prodotto o servizio migliorerà la loro vita.

Il titolo e il sottotitolo sono ottimi luoghi per includere la tua proposta di valore, che puoi ulteriormente elaborare nella tua descrizione. Quando crei la tua proposta di valore, considera queste tre domande:

  1. Quali sono i vantaggi del mio prodotto o servizio?
  2. In che modo questi vantaggi sono unici o superiori rispetto alla concorrenza?
  3. In che modo il tuo servizio o prodotto migliorerà o risolverà un problema nella vita di un cliente?

4 cose da fare e 3 non fare di una pagina di destinazione assassina che converte

NON: ignora le tue ricerche di mercato

Quando si tratta di comprendere il proprio pubblico di destinazione, i messaggi e le immagini che sono più importanti e significativi per loro, si potrebbe desiderare di chiedere l’aiuto di una società di ricerche di mercato.

Anche se la tua azienda è piccola o in continua crescita, sono disponibili numerosi strumenti che possono essere utilizzati per condurre ricerche a costi ridotti o nulli. Ad esempio, Google Analytics, Social Mention e FreeLunch possono aiutarti a capire meglio da dove proviene il tuo pubblico, le parole chiave che stanno usando e gli argomenti di tendenza.

È importante rimanere al passo con le ricerche del settore e del pubblico se desideri migliorare continuamente i tuoi contenuti e le pagine di destinazione.

DO: eseguire test A / B

Quando crei la landing page perfetta, è una buona idea condurre test A / B. Questo è quando crei due versioni della tua landing page per vedere quale ha più successo. Questo è un modo incredibilmente efficace per raccogliere dati su quali strategie di marketing sono efficaci e quali no. Molti dei migliori costruttori di pagine di destinazione offrono funzionalità di test A / B, tra cui Unbounce e Lander.

I test A / B possono essere utilizzati per testare l’efficacia di quasi tutti gli aspetti di una landing page, tra cui:

  • Titolo e sottotitolo
  • Chiamare all’azione
  • Descrizione
  • Foto
  • Combinazione di colori
  • O quasi qualsiasi altra decisione di progettazione

La cosa importante da ricordare con i test A / B è consolidare la variabile in fase di test. Ad esempio, se modifichi titolo, immagine e CTA nella seconda pagina di destinazione, non avrai idea di quale / i fattore / i abbia portato alla differenza nelle prestazioni. Cambia una cosa alla volta, presta attenzione agli effetti e applica quegli apprendimenti andando avanti.

Pronto a costruire una pagina di destinazione killer?

Per chiunque speri di costruire un’attività di qualsiasi tipo, sapere come commercializzare la tua azienda online è assolutamente vitale nel mondo di oggi. Con Il 79% degli americani ora fa acquisti online e un enorme 85% di loro usa anche Internet per trovare ristoranti e aziende locali, è impossibile negare l’importanza del marketing online per il successo di qualsiasi attività commerciale. Concentrandoti sulla creazione di landing page efficaci che catturino l’attenzione del pubblico e sostengano il loro interesse, aumenterai il tuo tasso di conversione e creerai relazioni più solide e durature con clienti motivati.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me

About the author